sentenze cassazione malasanità

La Corte di Cassazione Penale, tramite la sentenza n. 2060 del 2012, risponde con un chiaro “Sì”. Se il medico si rifiuta di salire su un’ambulanza per prestare soccorso ad un ferito in gravi condizioni si tratta di omissione d’atti di ufficio.

Stando al caso in particolare, il medico in servizio presso la guardia medica si rifiuta di salire a bordo del mezzo d’emergenza del 118 per soccorrere un minore. Il medico, nonostante fosse stato avvertito dalla Centrale Operativa del 118 delle gravi condizioni del bambino, rimane a terra senza prestare soccorso.

La Corte specifica che a concorrere nella colpa rientra l’art. 328 del Codice Penale, riferito al delitto di pericolo, poiché non si tiene conto tanto di un danno diretto derivato dal comportamento negligente del medico, quanto la possibilità che la sua condotta possa produrre un danno o una lesione: cosa ancora più ovvia e chiara di fronte alla denuncia di emergenza del personale della Croce Rossa, della Centrale Operativa del 118 e dei familiari della vittima. La volontà dell’imputato di separare il proprio rifiuto a salire sull’automezzo di soccorso e la volontà di prestare soccorso non è quindi stata accolta, dal momento che secondo la Corte e vista la situazione d’emergenza, il professionista sarebbe dovuto intervenire tempestivamente (e non recarsi al domicilio del paziente con il proprio mezzo, peraltro senza riuscire a trovare il giusto indirizzo).

Credi di essere vittima di un caso di malasanità?
Pensi di aver subìto un errore medico?

E’ importante avere gli strumenti giusti per tutelare il tuo diritto alla salute: il team di Malasanità & Risarcimento ti supporta attraverso la consulenza di esperti medici e legali, professionisti nel settore da oltre 10 anni.
Chiamaci per una prima consulenza, totalmente gratuita e senza impegno:
Malasanità & Risarcimento è presente anche su Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin.
Segui gli aggiornamenti!

 

Medico si rifiuta di salire sull’ambulanza: è omissione di atti d’ufficio?

Potrebbe anche interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *