sentenze cassazione malasanità

Medico si rifiuta di salire sull’ambulanza: è omissione di atti d’ufficio?

La Corte di Cassazione Penale, tramite la sentenza n. 2060 del 2012, risponde con un chiaro “Sì”. Se il medico si rifiuta di salire su un’ambulanza per prestare soccorso ad un ferito in gravi condizioni si tratta di omissione d’atti di ufficio.

Stando al caso in particolare, il medico in servizio presso la guardia medica si rifiuta di salire a bordo del mezzo d’emergenza del 118 per soccorrere un minore. Il medico, nonostante fosse stato avvertito dalla Centrale Operativa del 118 delle gravi condizioni del bambino, rimane a terra senza prestare soccorso.

La Corte specifica che a concorrere nella colpa rientra l’art. 328 del Codice Penale, riferito al delitto di pericolo, poiché non si tiene conto tanto di un danno diretto derivato dal comportamento negligente del medico, quanto la possibilità che la sua condotta possa produrre un danno o una lesione: cosa ancora più ovvia e chiara di fronte alla denuncia di emergenza del personale della Croce Rossa, della Centrale Operativa del 118 e dei familiari della vittima. La volontà dell’imputato di separare il proprio rifiuto a salire sull’automezzo di soccorso e la volontà di prestare soccorso non è quindi stata accolta, dal momento che secondo la Corte e vista la situazione d’emergenza, il professionista sarebbe dovuto intervenire tempestivamente (e non recarsi al domicilio del paziente con il proprio mezzo, peraltro senza riuscire a trovare il giusto indirizzo).

Credi di essere vittima di un caso di malasanità?
Pensi di aver subìto un errore medico?

E’ importante avere gli strumenti giusti per tutelare il tuo diritto alla salute: il team di Malasanità & Risarcimento ti supporta attraverso la consulenza di esperti medici e legali, professionisti nel settore da oltre 10 anni.
Chiamaci per una prima consulenza, totalmente gratuita e senza impegno:
Malasanità & Risarcimento è presente anche su Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin.
Segui gli aggiornamenti!

 

casi malasanità risarcimento

Rimozione di tumore benigno causa dolore cronico

R. T., una giovane atleta di 16 anni, si reca dal proprio dottore a causa di un piccolo bozzo che si è formato sul piede sinistro. Il dolore, che era iniziato come un semplice fastidio, si è fatto di giorno in giorno più intenso, tanto da portarla a rivolgersi al proprio medico di base. La ragazza comunica che, se massaggia la zona, il dolore si fa addirittura più intenso.

Il medico di base invita la paziente a rivolgersi ad uno specialista, il quale prescrive alla ragazza una terapia anti infiammatoria tramite iniezioni, a seguito della quale si opta comunque per l’intervento chirurgico. La cartella clinica dell’operazione riporta la rimozione di un nodulo fibroso di 1 centimetro attraverso l’incisione del piede sinistro. L’intervento si conclude positivamente e la ferita non mostra segni di infezione. Il dolore permane per alcune settimane, per poi limitarsi a diminuire lentamente e a scomparire del tutto nel giro di sei mesi.

Cinque mesi dopo l’intervento, tuttavia, la ragazza torna in ospedale a causa del dolore, che è tornato anche più forte. Viene invitata a rivolgersi ad uno specialista in riabilitazione, il quale suggerisce trattarsi di una algodistrofia (gravissimo dolore intenso). Lo specialista non prescrive nulla se non una terapia riabilitativa, e soprattutto sottolinea non essere necessario alcun intervento ulteriore. La paziente però convive con il dolore, mai completamente sopito, sin dal giorno dell’operazione: le sono precluse molte attività che richiedano l’utilizzo prolungato del piede (quindi camminare, correre, stare in piedi per molto tempo, praticare sport) e tutte le mansioni lavorative che non si svolgano in posizione seduta. Il danno maggiore che deriva dall’intervento mal riuscito si ravvisa, per cui, nel mancato proseguo della carriera sportiva della ragazza, obbligata ad abbandonare la pratica atletica.

malasanita

ha accompagnato la famiglia della vittima lungo tutto l’iter stragiudiziale di richiesta di risarcimento per i danni subìti, fisici e morali, con esito positivo della richiesta.

Credi di essere vittima di un caso di malasanità?
Pensi di aver subìto un errore medico?

E’ importante avere gli strumenti giusti per tutelare il tuo diritto alla salute: il team di Malasanità & Risarcimento ti supporta attraverso la consulenza di esperti medici e legali, professionisti nel settore da oltre 10 anni.
Chiamaci per una prima consulenza, totalmente gratuita e senza impegno:
Malasanità & Risarcimento è presente anche su Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin.
Segui gli aggiornamenti!