casi malasanità risarcimento

La paziente muore dopo una broncoscopia: risarcimento ottenuto

Il caso

Elisa P., paziente di 65 anni con problemi di depressione cronica, viene ricoverata in ospedale a causa di problemi respiratori e tosse convulsa, immuni agli antibiotici prescritti dal medico di base. Attraverso una lastra del petto, il personale medico riscontra la presenza di problematiche non ancora definibili: sono indecisi tra la presenza di una pneumonia o di un più grave carcinoma bronco-alveolare.

L’approfondimento diagnostico

Lo pneumologo del reparto suggerisce dunque un esame più approfondito dei bronchi con un cavo diagnostico in fibra ottica, per poter prelevare la secrezione dei polmoni e capire, attarverso una biopsia della materia, se ci fosse la presenza di cellule cancerogene.

Viene richiesto che il prelievo venga fatto sotto anestesia generale, per evitare che la paziente turbandosi possa arrecare danni a sé stessa o all’attrezzatura, ed anche corrompere l’esito generale dell’esame diagnostico. La paziente viene dunque sottoposta ad anestesia generale, con mascherina d’ossigeno di supprto.

Lo pneumologo, durante l’esame dei bronchi, non ravvisa lesioni. Si appresta ad effettuare anche un lavaggio dei bronchi, e ad effettuare il recupero di materia biologia per la successiva biopsia. La procedura viene svolta senza nessun problema o impedimento, soprattutto per via della paziente totalmente anestetizzata.

La crisi

La paziente viene condotta nella sala di recupero in attesa del risveglio dall’anestesia: le vengono quindi tolti il tubo endotracheale e la maschera d’ossigeno. La paziente ha però una gravissima crisi respiratoria, e viene immediatamente reintubata: a causa dell’emergenza incorsa, è il personale infermieristico ad effettuare l’intubazione. L’operazione non va a buon fine e, nonostante i tentativi di rianimazione, la paziente entra in coma.

Il decesso

La paziente rimarrà in terapia intensiva per una settimana, ma alla fine non uscirà più dal coma e morirà. Dalla biopsia della materia prelevata dai polmoni si scoprirà che i problemi respiratori erano causati da un carcinoma alveo-polmonare, così come sospettato inizialmente. Dall’autopsia si scoprirà invece che la paziente è morta a causa di anossia (mancanza di adeguata ossigenazione del cervello).


contattata dalla famiglia della vittima, è riuscita a definire con successo il caso in via stragiudiziale, permettendo agli eredi di ottenere il giusto risarcimento per il danno biologico, patrimoniale e morale sofferto dalla paziente e causato dal decesso successivo.
Sei vittima di un caso simile?
Pensi di aver subìto un errore medico?

E’ importante avere gli strumenti giusti per tutelare il tuo diritto alla salute: il team di Malasanità & Risarcimento ti supporta attraverso la consulenza di esperti medici e legali, professionisti nel settore da oltre 10 anni.
Chiamaci per una prima consulenza, totalmente gratuita e senza impegno:
Malasanità & Risarcimento è presente anche su Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin.
Segui gli aggiornamenti!
casi malasanità risarcimento

Arteria lesionata durante intervento laparoscopico: risarcimento ottenuto!

Un caso di endometriosi

La signora Daniela Q. soffre di endometriosi pelvica severa. L’endometriosi è una malattia cronica e complessa, derivante dalla presenza anomala di tessuto che riveste la parete interna dell’utero, ovvero l’endometrio, in altri organi dove non dovrebbe essere presente (ovarie, peritoneo, intestino, vagina). L’endometriosi provoca sanguinamenti interni, infiammazioni croniche e tessuto cicatriziale, fino anche a portare all’infertilità.

L’intervento in laparoscopia

Soffrendo di una patologia così complicata e ricorrente, la signora viene ricoverata senza regime d’urgenza nel reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di zona, dove le viene diagnosticata una endometriosi pelvica severa. Dopo circa un mese dal primo ricovero, viene sottoposta ad intervento iniziato in laparoscopia e proseguito in laparotomia al fine di poter rimuovere il tessuto in eccesso. Nonostante la terapia farmacologica prescritta in fase di dimissione ospedaliera, qualche giorno dopo essere tornata a casa la paziente manifesta difficoltà nel camminare, tanto da essere ricoverata nel reparto di Chirurgia Vascolare per rivascolarizzare chirurgicamente l’arto inferiore sinistro. Tramite esame specifico si ravvisa infatti una trombosi arteriosa dell’arteria iliaca sinistra causata da una dissezione.

L’errore medico

La negligenza del personale medico si ravvisa nella mancata comunicazione alla paziente per ottenere il consenso informato riguardo le complicanze che si sarebbero potute verificare a seguito dell’intervento. Si presentano poi elementi di imprudenza ed imperizia nello scegliere la via laparoscopica per intervenire (non suggerita da prassi), nonché imperizia nel condurre fisicamente l’operazione in quanto viene lesionata l’arteria iliaca. Ad aggravare il quadro, ulteriore imprudenza ed imperizia del reparto di Ginecologia per aver dimesso una paziente alla quale era già stata diagnosticata una probabile stenosi arteriale post operatoria.

malasanita
è riuscita a definire con successo il caso in via stragiudiziale, ottenendo dall’azienda sanitaria il risarcimento per il danno biologico e morale, causati dal comportamento negligente del personale medico che non ha saputo trattare debitamente la visita colonscopica del paziente.

Credi di essere vittima di un caso di malasanità?
Pensi di aver subìto un errore medico?

E’ importante avere gli strumenti giusti per tutelare il tuo diritto alla salute: il team di Malasanità & Risarcimento ti supporta attraverso la consulenza di esperti medici e legali, professionisti nel settore da oltre 10 anni.
Chiamaci per una prima consulenza, totalmente gratuita e senza impegno:
Malasanità & Risarcimento è presente anche su Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin.
Segui gli aggiornamenti!
sentenze cassazione malasanità

Paziente perde capacità di procreare: è malasanità?

Gabriele S. domanda: Se un paziente perde la possibilità di avere figli a causa della negligenza dei sanitari, è possibile richiedere un risarcimento?

Sì. La Corte di cassazione sancisce, con la sentenza 46761 del 19/12/2011, la responsabilità del medico di pronto soccorso che lesioni il paziente tali da inibire la capacità di procreazione dello stesso.

Secondo il caso preso in esame dalla Corte, il paziente si è rivolto al pronto soccorso a causa di un dolore al testicolo. Visitato brevemente, è stato poi dimesso con la prescrizioni di antidolorifici. A causa dello scarso tempo dedicato alla visita, non è stato possibile per il medico effettuare un’anamnesi completa, che avrebbe collegato il dolore patito ad una patologia sofferta dal paziente in tenera età. Il medico è stato dunque accusato di imperizia e negligenza, poiché non ha sottoposto il paziente ad esami più approfonditi, e poiché non ha tenuto conto della storia clinica pregressa del paziente (non avendogliela neppure domandata).

Credi di essere vittima di un caso di malasanità?
Pensi di aver subìto un errore medico?

E’ importante avere gli strumenti giusti per tutelare il tuo diritto alla salute: il team di Malasanità & Risarcimento ti supporta attraverso la consulenza di esperti medici e legali, professionisti nel settore da oltre 10 anni.
Chiamaci per una prima consulenza, totalmente gratuita e senza impegno:
Malasanità & Risarcimento è presente anche su Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin.
Segui gli aggiornamenti!
sentenze cassazione malasanità

In stato vegetativo dopo il parto: i medici sono responsabili?

Emorragia mortale durante endoscopia: chi è responsabile?

Romina B. domanda: “Se i medici non seguono bene il parto, e la mamma ed il bambino (o entrambi) subiscono dei danni, i medici sono responsabili? Si può richiedere un risarcimento?”

Certo, ovviamente dopo aver provato la presenza di responsabilità e negligenza da parte del personale medico. L’ultima pronuncia della Corte di Cassazione in tal senso è del 20 aprile scorso, quando con una sentenza è stata confermata la condanna per tre medici (un primario e due dottori) ed il risarcimento di 1,2 miliardi di euro alla famiglia.

L’episodio di malasanità, che risale al 1995, ha visto protagonista una partoriente ed il suo bambino. Nonostante una gravidanza trascorsa senza problemi di sorta, la donna viene ricoverata a causa di fortissimi dolori, per i quali richiede che venga fatta partorire con cesareo. I medici negano l’intervento e prediligono il parto naturale, che avviene dopo quattro ore dall’inizio del travaglio. Si notano subito delle problematiche: il bambino sembra estremamente sofferente, tanto che sarà successivamente diagnosticata una asfissia prenatale.

La Corte ha confermato il profilo di responsabilità in seno al personale medico, sia prima che durante il parto: non valutarono correttamente i dati provenienti dai macchinari collegati alla paziente e non eseguirono i controlli necessari per evidenziare la sofferenza fetale e che avrebbero dovuto indurre l’equipe ad effettuare quanto prima un parto cesareo e non naturale. Il bambino è ormai diventato adulto, avendo compiuto 21 anni, ma dal momento della nascita vive in stato semi vegetativo, condizione che richiede un trattamento speciale (ed economicamente gravoso) per la famiglia.

(Fonte notizia: http://www.palermotoday.it)

Pensi di aver subìto un errore medico?

E’ importante avere gli strumenti giusti per tutelare il tuo diritto alla salute: il team di Malasanità & Risarcimento® ti supporta attraverso la consulenza di esperti medici e legali, professionisti nel settore da oltre 10 anni.

Contattaci per una prima consulenza totalmente gratuita e senza impegno

Malasanità & Risarcimento® è presente anche su Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin.
Segui gli aggiornamenti!