sentenze cassazione malasanità

Responsabilità medica e attività d’equipe: l’Avvocato risponde

Se più sanitari si occupano di un paziente, con compiti  e mansioni diverse, chi è responsabile di eventuali errori, dei danni e, alla peggio, della morte del soggetto in cura?

La Suprema Corte risponde a questa domanda attraverso la pronuncia della sentenza n. 20125/2016, attraverso la quale si esprime su un caso di responsabilità penale per un reato di omicio colposo medico. La causa della morte del paziente, infatti, sarebbe stata imputabile all’imperizia di un medico, in concorso con altri sanitari.

Responsabilità medica e attività d’equipe: come si stabilisce il responsabile?

Quando il personale medico lavora di concerto, quindi in regime di equipe, in capo a ciascuno dei soggetti sono poste delle responsabilità. Se un paziente viene danneggiato, tutti i componenti dell’equipe di lavoro rispondono dell’illecito, non solo per non aver osservato le regole di diligenza, prudenza e perizia delle rispettive mansioni, ma anche perché ogni singolo professionista ha il compito di valutare l’operato del proprio collega, sia contestuale che precedente, verificando che corrisponda agli standard di cura e trattamento.

Perché la responsabilità viene così ripartita? Perché, aldilà delle differenti specializzazioni e discipline, lo scopo ultimo dell’equipe medica è uno solo: curare adeguatamente il paziente.

Quando si parla di cooperazione colposa?

Il concorso di colpa nel reato colposo è legato al concetto di cooperazione colposa, che si verifica quando il soggetto coinvolto è conscio della partecipazione di altri nell’attività, indipendentemente dall’effettiva conoscenza delle persone e delle loro condotte. Semplicemnte, la cooperazione colposa si verifica quando un medico sa che una determinata attività sanitaria sarà svolta, oltre che da lui medesimo, anche da altri professionisti.

Sei vittima di un caso simile?
Pensi di aver subìto un errore medico?

E’ importante avere gli strumenti giusti per tutelare il tuo diritto alla salute: il team di Malasanità & Risarcimento ti supporta attraverso la consulenza di esperti medici e legali, professionisti nel settore da oltre 10 anni.
Chiamaci per una prima consulenza, totalmente gratuita e senza impegno:
Malasanità & Risarcimento è presente anche su Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin.
Segui gli aggiornamenti!
sentenze cassazione malasanità

Medico si rifiuta di salire sull’ambulanza: è omissione di atti d’ufficio?

La Corte di Cassazione Penale, tramite la sentenza n. 2060 del 2012, risponde con un chiaro “Sì”. Se il medico si rifiuta di salire su un’ambulanza per prestare soccorso ad un ferito in gravi condizioni si tratta di omissione d’atti di ufficio.

Stando al caso in particolare, il medico in servizio presso la guardia medica si rifiuta di salire a bordo del mezzo d’emergenza del 118 per soccorrere un minore. Il medico, nonostante fosse stato avvertito dalla Centrale Operativa del 118 delle gravi condizioni del bambino, rimane a terra senza prestare soccorso.

La Corte specifica che a concorrere nella colpa rientra l’art. 328 del Codice Penale, riferito al delitto di pericolo, poiché non si tiene conto tanto di un danno diretto derivato dal comportamento negligente del medico, quanto la possibilità che la sua condotta possa produrre un danno o una lesione: cosa ancora più ovvia e chiara di fronte alla denuncia di emergenza del personale della Croce Rossa, della Centrale Operativa del 118 e dei familiari della vittima. La volontà dell’imputato di separare il proprio rifiuto a salire sull’automezzo di soccorso e la volontà di prestare soccorso non è quindi stata accolta, dal momento che secondo la Corte e vista la situazione d’emergenza, il professionista sarebbe dovuto intervenire tempestivamente (e non recarsi al domicilio del paziente con il proprio mezzo, peraltro senza riuscire a trovare il giusto indirizzo).

Credi di essere vittima di un caso di malasanità?
Pensi di aver subìto un errore medico?

E’ importante avere gli strumenti giusti per tutelare il tuo diritto alla salute: il team di Malasanità & Risarcimento ti supporta attraverso la consulenza di esperti medici e legali, professionisti nel settore da oltre 10 anni.
Chiamaci per una prima consulenza, totalmente gratuita e senza impegno:
Malasanità & Risarcimento è presente anche su Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin.
Segui gli aggiornamenti!

 

Sivastin e sivastatina: guida del farmaco

Sivastin e sivastatina: guida del farmaco

La sivastatina è utilizzata come componente nei farmaci in grado di tenere sotto controllo il diabete: ma ci sono degli effetti collaterali? E quali?

Scopriamoli insieme nell’infografica della settimana.

Sivastin e sivastatina: guida del farmaco

Credi di essere vittima di un caso di malasanità?
Pensi di aver subìto un errore medico?

E’ importante avere gli strumenti giusti per tutelare il tuo diritto alla salute: il team di Malasanità & Risarcimento ti supporta attraverso la consulenza di esperti medici e legali, professionisti nel settore da oltre 10 anni.
Chiamaci per una consulenza allo 071 7132176
o invia una mail a info@malasanitaerisarcimento.it

Malasanità & Risarcimento è presente anche su Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin.
Segui gli aggiornamenti!

 

casi malasanità risarcimento

I nostri successi: caso di perforazione dell’intestino durante colonscopia

Il signor G. A. si sottopone ad una colonscopia presso la struttura ospedaliera di zona. Per prepararlo alla visita, gli viene somministrata una dose blanda di anestetico. Al suo risveglio, il paziente comprende che sarà presto sottoposto ad altri esami non previsti dalla prassi post visita colonscopica. Viene quindi condotto al pronto soccorso dello stesso ospedale e ricoverato con urgenza nel reparto di Chirurgia per perforazione colica dovuta a colonscopia. Viene dimesso dopo circa un mese dal primo esame colonscopico con diagnosi di perforazione jatrogena del sigma.

La negligenza del personale medico si riassume nella mancata osservazione dei protocolli esistenti su come evitare una perforazione intestinale durante la visita di colonscopia, e nella conduzione errata dell’esame endoscopico con conseguente perforazione del sigma.

malasanita
è riuscita a definire con successo il caso in via stragiudiziale, ottenendo dall’azienda sanitaria il risarcimento per il danno biologico e morale, causati dal comportamento negligente del personale medico che non ha saputo trattare debitamente la visita colonscopia del paziente.

Credi di essere vittima di un caso di malasanità?
Chiamaci per una prima consulenza, totalmente gratuita e senza impegno:

 

Malasanità & Risarcimento® è presente anche su Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin.
Segui gli aggiornamenti!